Blogroll

mercoledì 23 aprile 2014

5 App per la sicurezza delle donne!

Oggi, più di ieri, la sicurezza personale è un tema molto importante.
Uscire di notte per strada, o fare un viaggio in posti sconosciuti può render più insicure le persone, soprattutto le donne.
Abbiamo provato a cercare su AppStore e sul market di Android se vi fossero delle applicazioni che in un certo modo servissero a renderci più sicuri; ecco il risultato della nostra ricerca!

La prima app che abbiamo trovato è circleof6app, che ha ricevuto addirittura apprezzamenti da parte di Joe Biden, vicepresidente degli Stati Uniti! Attraverso questa app si ha la possibilità di condividere la propria posizione, in modo da poter essere rintracciati via Gps, e riuscendo così ad avvisare amici, genitori e partner per chiedere aiuto.


L'app tutta italiana Siamo Sicure!, permette di far emettere al nostro smartphone un suono acuto e forte, (attivabile con un clic), per scoraggiare stalker e malfattori. Inoltre, l'app permette un veloce contatto con le forze dell'ordine, l'invio di un messaggio d'aiuto a familiari, e fornisce un prontuario su "come comportarsi" in caso di emergenza.


Bsafe geolocalizza la tua posizione e notifica immediatamente ad una rete di contatti un mess di aiuto, registrando inoltre, le prove audio e video della tentata minaccia.

StreetSafe ha la particolarità di segnalare quali sono i posti più sicuri in città ove poter aggirarsi tranquilli stabilendo un contatto di emergenza con la polizia.

Infine, parliamo di quella app che più di altre sta riscuotendo maggior successo. Kitestring è come una seconda mamma, che si assicura che tu stia bene e che sia arrivata a casa sana e salva. L'app ha una diffusione su scala mondiale, si può programmare in maniera tale che invii un messaggio entro un periodo di tempo (mezz'ora, un ora e 5 ore) per sincerarsi della nostra sicurezza. L'applicazione permette di inserire un codice antiaggressione, in quanto al ricevimento del messaggio di controllo, l'utente è tenuto a rispondere in un arco di tempo. Alla mancata risposta, Kitestring si metterà in contatto con i numeri di sicurezza impostati per segnalare che qualche cosa non va.

Come dicevamo in apertura, la sicurezza personale, ma ancor di più, salvaguardia del "Gentil sesso" è diventato, purtroppo, un argomento da tenere molto in considerazione. 
Nel 2013 l'’Organizzazione mondiale della sanità ha rivelato che più di una donna su tre nel mondo ha subito violenze, fisiche o sessuali.

Le app di questo tipo, hanno sicuramente la funzione di placare sensi di insicurezza, paranoie, ansie varie; in realtà, se usate correttamente, possono rivelarsi molto utili non solo per tentativi di violenza o stalking, ma anche per segnalare situazioni di reale pericolo come possono essere egli incidenti.

venerdì 18 aprile 2014

Socialmatic.Instagram diventa una fotocamera reale Polaroid

Le App di smartphone e tablet hanno da sempre una caratteristica che le contraddistingue: le icone!
Grazie alle icone riconosciamo l'applicazione, e ci permettono di lanciare una funzione come telefonare, navigare, fotografare, ecc. Un dato reale, e forse un pò malinconico, è che, comunque, l'impatto avuto dalle nuove tecnologie su quelle che hanno contraddistinto la fine del secondo millennio, è stato devastante. Non per Antonio De Rosa, di Cava De Tirreni, che ha deciso di portare un'icona nel mondo reale; stiamo parlando della Socialmatic, che riprende con fedeltà le forme, i colori, e, si, anche le funzioni di Instagram!
Trasferendo il concetto di Instagram ad un dispositivo fisico, Socialmatic permetterà non solo di fare fotografie con i filtri dell’applicazione, ma condividerle direttamente sui social network e stamparle.

Il progetto parte da lontano perchè Social(matic) è, anche lo spirito con cui De Rosa ha voluto affrontare tutta la progettazione di questo stupefacente "gingillo".

Niente super finanziamenti, dunque, Ma un'aiuto dalla rete, grazie ad una piattaforma di crowd funding prima, e ad un interessamento di Polaroid poi; finalmente, la Socialmatic potrà arrivare nelle nostre case!

Alla Polaroid l’idea di adattare ai nuovi tempi il prodotto che l'ha resa famosa nel tempo, è piaciuta molto e ha investito nello sviluppo della macchina. Socialmatic Camera è arrivata ad un accordo con la C & A Licensing, che possiede i diritti dello storico marchio.



La macchina ha una forma quadrata simile al logo del social network Instagram e stampa le immagini in maniera automatica e in formato digitale. Grazie al sistema Android, ha un accesso WiFi che permette di condividere le fotografie in Rete. Lo schermo è touch, da 4,3 pollici, possiede il Bluetooth e una capacità di 16 GB.


Vi lasciamo con il video della presentazione di Socialmatic al Ces 2014 e vi auguriamo Buona Pasqua!





mercoledì 16 aprile 2014

Che cosa è il Couchsurfing?

Quando nacque nel 2003 come progetto no-profit, Casey Fenton non pensava che il CouchSurfing, sarebbe diventato oggi la rete Couchsurfing International Inc., una società corporation di San Francisco.
Ma cosa è il CouchSurfing precisamente?
Il CouchSurfing (letteralmente 'navigazione sui divani') è un servizio gratuito di scambio di ospitalità e attualmente è il sito web dedicato allo scambio di ospitalità con il maggior numero di utenti attivi.

Chi fa CouchSurfing si autodefinisce "Couchsurfer" ("CSer


" abbreviato), o "surfer".

Ci si registra sul loro sito www.couchsurfing.org, e su base volontaria e gratuita si richiede ospitalità o ci si fa ospitare.

Ovviamente la piattaforma tende a far curare i dettagli agli utenti (foto di se e della casa in cui offrono ospitalità) per una maggiore fruibilità del servizio.

Una volta registrati si può accedere alle funzionalità "ricerca ospitante" e quella "richiesta ospitalità"
per trovare il proprio ospitante in base ai parametri di età, località, genere, e "ultimo accesso al sito".
Ogni utente possiede dei feedback che lo fanno salire o scendere in classifica del miglior ospite e del miglior ospitante.

Il riscontro del CouchService pare sia postitivo, con prenotazioni buone nell'ordine di due mesi prima, fino ad arrivare al lastminute.

Ovviamente negli Stati Uniti e in Australia, il fenomeno del CouchService è ben sviluppato, ma anche in tutta Europa sta avendo un'ottimo riscontro, come mostra l'infografica che vi mostriamo qui sotto.




Guardate l'intera infografica dal sito del Couchsurfing!

lunedì 14 aprile 2014

Strumenti di Google per le aziende gratis!



Google ha a sua disposizione una quantità esagerata di dati.
Tra il motore di ricerca tra i più utilizzati in rete, il sistema operativo che maggiormente è presente nei nostri cellulari e tablet (Android), un social network (Google Plus), Gmail e molto altro, infatti, il colosso di Mountain View possiede quantità di dati inimmaginabili; ma che cosa se ne fa? La fortuna di google è sempre stata, a mio parere, l'intelligenza esagerata nella fornitura dei suoi servizi; ed è proprio questa illuminata linea d'azione aziendale che permette a npoi utenti di usufruire di una serie di servizi gratuiti. La quantità di dati sopracitati formati da milioni e milioni di luoghi, dati, immagini, eventi relazioni e ricerche vengono messi assieme per permetterci di accedere a quella fantastica "cosa" che chiamiamo conoscenza!
Oggi vi vogliamo suggerire alcuni strumenti (tools) che rivoluzioneranno totalmente il vostro modo di utilizzare il browser più famoso in assoluto!



Google Ngam Viewer vi permette di cercare le parole che sono state maggiormente utilizzate nei libri in oltre 500 anni di storia. Si è scritto più volte Gesù, Demonio o Acqua Santa nel corso degli ultimi 5 secoli? Volete sapere come la parola pizza veniva usata negli scorsi secoli? Questo strumento vi permette di comparare tutte le parole possibili e inimmaginabili!

Altro strumento molto interessante è Google Correlate, che fa parte del più ampio Google Trends, che vi permette di capire quali sono le parole maggiormente ricercate in base al periodo dell'anno; ad esempio, cercando la parola "minestra", si potrà notare il picco nei mesi invernali.


Google Think Insights è un fantastico tool molto utile alle aziende, che fornisce ricerche, studi e consigli, aggiornati continuamente, per far crescere la vostra impresa, con addirittura suggerimenti su come realizzare un sito di presentazione.

Sempre legato all'argomento "azienda", Google Full Value Mobile verifica per voi quanto sia conveniente rendere digitale il vostro business, controlla il modo in cui i clienti interagiscono con il vostro sito internet, e verificano gli accessi dai vari device.

L'ultimo tool di cui vi voglio parlare, con profonda eccitazione, è un App, e si chiama Google Goggles;
immaginate di esser in giro e vi trovate davanti un oggetto che vi piace tantissimo, ma del quale non sapete nulla. Attiate l'App, fate una foto all'oggetot, e come per magia "googliana" riceverete tutte le informazioni dettagliate su questo oggetto. Semplicemente F A N T A S T I C O!





venerdì 11 aprile 2014

Foto vintage da brividi

In un nostro recente articolo vi abbiamo parlato di Gil Elvgren che ha dato vita alle famosissime Pin Up che oggi popolano tutto ciò che è Vintage.

Oggi vi vogliamo augurare un buon week end con una serie di immagini di un fotografo della fine dell' 800, tale Charles Eisenmann che nel suo studio di New York scattava ritratti di "gente del posto"come coppie, famiglie e bambini. 

Nella sua attività di fotografo di persone "normali", Eisenmann subiva il fascino, che alcuni definirebbero "ossessione perversa", del bizzarro e dell'insolito!

Le foto che seguono sono un piccolo esempio della sua collezione unica di personaggi che, in quel periodo venivano considerati "freak". 













NB: Se volete vedere l'intera collezione del lavoro Eisenmann,  potete consultare il suo sito ufficiale.



About